(19 maggio 1898 – 11 giugno 1974), nasce a Roma da famiglia siciliana di nobili origini. Formatosi sulle opere di Nietzsche, Michelstaedter e Weininger, partecipa alla prima guerra mondiale come ufficiale di artiglieria. L’esperienza artistica lo avvicina a Papini e a Marinetti, a Balla e a Bragaglia, ma è l’incontro epistolare con Tzara che lo impone come principale esponente di Dada in Italia: dipinge ed espone i suoi quadri a Roma e a Berlino, collabora alle riviste Bleu e Noi, elabora testi teorici (Arte astratta, 1920, definito da M. Cacciari “uno degli scritti filosoficamente pregnanti delle avanguardie europee”); scrive poemi e poesie (La parole obscure du paysage intérieur, 1921).Iscrittosi alla facoltà di Ingegneria, giunto alle soglie della laurea, vi rinuncia per disprezzo dei titoli accademici. Il dadaismo – di cui oggi viene considerato il maggior esponente italiano – è però solo un primo passo per “andare oltre”: completa un suo ampio lavoro filosofico iniziato nelle trincee del Carso, che intende presentarsi come un superamento dell’idealismo classico e lo fa precedere da una raccolta di scritti (Saggi sull’idealismo magico, 1925; Teoria dell’Individuo assoluto, 1927; Fenomenologia dell’Individuo assoluto, 1930).

1–12 di 20 risultati

  •  12.00
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  19.50
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  5.00
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  16.00
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  14.00
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  21.50
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  22.50
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  19.90
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  15.50
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  25.50
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  6.00
    Aggiungi al carrello Quick view
  •  22.50
    Aggiungi al carrello Quick view
X