Menu

Alle radici del “Rossobrunismo” – Gli scritti di Carlo Terracciano in “Orion”

In Stock

 28.00
Confronta
COD: ISBN: 9788898809608 Categoria:

Product Description

«D’ora in poi il nostro impegno sarà per quegli uomini, di ogni provenienza politica e ideologica, che non si sono arresi in questi anni infami e a quei giovani che solo ora si affacciano su questo deserto di macerie e si chiedono “perché?”

(..) Ci sono libri e scritti dell’altra “estrema” non passibile di riciclaggio nel “sistema” che potremmo sottoscrivere parola per parola; ci sono uomini retti e coraggiosi con i quali ci sentiremmo onorati di condividere un lungo tratto di strada. Ma sia chiaro che la nuova cultura rivoluzionaria non è quella del sincretismo onnicomprensivo fra idee inconciliabili, la cultura dell’ET-ET contrabbandata ad usum delphini dagli ex ribelli di tutti i fronti oggi egemonizzati e omologati dai padroni del vapore, politici e/o cattedratici. La nostra sarà allora la cultura dell’ AUT- AUT, delle nuove e radicali contrapposizioni, con i compagni di domani contro i nemici di oggi e i falsi amici di ieri.

Questi dunque i veri fronti di lotta in Italia, che attraversano in verticale i vecchi fronti del passato.

(…)

Né intendiamo trascurare tutti gli strumenti oggi offertici dall’analisi socio-politica: la storia comparata e sincronica delle grandi civiltà del passato e del presente, la sociologia e la sociobiologia, lo studio delle grandi migrazioni dei popoli, del Völkerwanderung. Affronteremo la storia delle religioni (come, ad esempio, l’influsso che i movimenti pauperistici “ereticali” impregnati di gnosticismo del medioevo europeo ha avuto sulle mitologie rivoluzionarie del XX secolo), la polemologia, la genetica e la psicologia, nonché le tradizioni dei popoli della Terra. Questi in ordine sparso sono solo alcuni dei campi in cui l’impegno culturale può condurci senza perder di vista lo scopo finale(…)».

Così, Carlo Terracciano in “Orion” n° 21, giugno 1986 dichiarava la qualità del suo impegno di redattore della rivista “antimondialista” ponendo le specifiche di quella “linea” in seguito definita “rossobrunismo”, impegno a cui mantenne fede e di cui questo volume (e di quelli che seguiranno) ne è la più lampante testimonianza.

Informazioni aggiuntive

Casa Editrice

X