Menu

Con il sangue e con l’inchiostro

In Stock

 15.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Scrittori collaborazionisti nella Francia occupata.
Un fantasma si aggira per la Francia odierna: Vichy, la collaborazione con i tedeschi, le violente epurazioni del dopoguerra, l’antisemitismo.
La vicenda degli intellettuali parigini schierati dalla parte dell’occupante rappresenta, all’interno di questo capitolo della storia francese, un dramma nel dramma, continuamente rimosso e continuamente emergente. Scrittori, giornalisti, poeti, studiosi scelsero, pur con mille motivazioni diverse, di stare dalla parte degli invasori, pagando alla fine del conflitto un conto salatissimo. La Francia non li ha mai perdonati.
Ma chi furono gli intellettuali “collabos”?. Cosa ha accumunato le scelte di Drieu La Rochelle e quelle di Maurice Sachs, di Lucien Rebatet e di Jean Luchaire, di Lucien Combelle e di Robert Brasillach?
Il libro risponde a queste domande e si conclude con la rievocazione della tragica epopea di Sigmaringen, ultimo atto del collaborazionismo franco-tedesco.
In appendice scritti di Céline, Brasillach, Andreu, Chateabriant, Drieu La Rochelle, Combelle, Poulain e Rebatet.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Casa Editrice

X