Menu

Diario dall’Afghanistan

In Stock

 10.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Il rapporto tra Ettore Mo, uno dei nostri più celebri e premiati corrispondenti di guerra, e l’Afghanistan, terra ferita da decenni di guerre intestine e interessi armati delle potenze mondiali, assomiglia a una storia d’amore dolce e sofferta, di quelle che durano anni e sopravvivono alla lontananza, che invece le rende più tenaci e più salde. Vi arriva nel ’79, appena diventato corrispondente per il «Corriere della Sera». Ma in quella terra torna periodicamente.
Nel frattempo tiene un diario, dove annota tutto: la terra, le facce, le persone che incontra, le amicizie che stringe, come quella con Ahmad Shah Massud, il Leone del Panshir, terrore ei sovietici e dei talebani, che insegna ai suoi uomini la guerra, ma anche la poesia.
Il diario di un viaggiatore perenne, italiano tra gli afghani e afghano tra gli italiani, l’immagine stessa della compenetrazione tra le culture attraverso il confronto e il rispetto delle differenze, per costruire un’idea frastagliata e mai consolatoria di umanità.
I flash narrativi di Ettore Mo, come in ogni mémoire che si rispetti, non seguono una linea rigidamente cronologica ma si dispongono come lampi emotivi, istantanee che si accordano perfettamente alle fotografie di Luigi Baldelli, uno dei principali cantori per immagini
dell’Afghanistan.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X