Menu

Diario di uno Squadrista Toscano

In Stock

 18.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Dall’introduzione di Adriano Scianca:

«Sostieni la squadra del cuore»: devono essere stati veramente sorpresi i cittadini romani quando nel 2006 si svegliarono trovando la città tappezzata di manifesti riecheggianti esplicitamente lo squadrismo. Gli autori di quel messaggio beffardo erano i ragazzi di CasaPound, che si riappropriavano per la prima volta dopo anni dell’epopea delle prime camicie nere.

Un avventura rivoluzionaria dirompente, i cui protagonisti erano in larga parte giovani (il 40% circa, fra i componenti delle squadre, è formato da studenti, l’età media era di circa 23 anni) o eroi della Grande Guerra: i comandanti erano quasi sempre decorati al valore. Lo squadrismo fu scuola di pensiero e di azione contro chi fugge la lotta e trova alibi al proprio sfaldamento esistenziale.

Ma squadrismo fu anche stile del “Me ne frego!”, che non vuol dire solo farsi carico dei rischi della propria scelta esistenziale («Questa è la nostra vita», conclude con eroico amor fati il resoconto di una spedizione il diciassettenne Norberto De Bruyn) ma anche sfidare la morte e riderne. Tipico di questo gusto beffardo per la goliardia erano ad esempio i finti verbali che le squadre dettavano nei consigli provinciali e comunali dei rossi in cui avevano poco prima fatto irruzione: «Deputazione provinciale Rossa. Adunanza del giorno tal dei tali; presidente: Leprendo; consiglieri: Leprendiamo. Ordine del giorno: schiaffi».

Di questa temperie infuocata, tragica e gioiosa, il diario di Piazzesi che qui ripresentiamo ai lettori è testimonianza verace, autentica e scintillante.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Casa Editrice

X