Menu

Ettore Muti – il Gerarca scomodo

In Stock

 14.50
Confronta
Categoria:

Product Description

Combattente pluridecorato, aviatore audace, squadrista violento, fascista imprevedibile ed ingovernabile, romagnolo dal fisico possente, Ettore Muti fu un gerarca a dir poco anomalo. Nato a Ravenna nel 1902, nella prima guerra mondiale si arruolò giovanissimo volontario nei reparti d’assalto. Fu legionario fiumano con D’Annunzio e poi fu ufficiale pilota nelle guerre di Etiopia, di Spagna e nella seconda guerra mondiale. Mussolini lo volle segretario del Partito Nazionale Fascista al posto di Starace, ma dopo un solo anno lo rimosse dallo sgradito incarico, con suo grande sollievo, consentendogli di tornare finalmente a combattere.
Emarginato dal Partito, il 25 luglio 1943 lo trovò esternamente schierato con i congiurati guidati da Grandi, diffidente tuttavia dei loro metodi clandestini. Su posizioni monarchiche ed antimussoliniane, viene temuto da Badoglio il quale ne ordina la liquidazione. In una notte del tragico agosto del 1943, mentre pernotta nella sua villa di Fregene, viene arrestato dai Carabinieri ed ucciso in circostanze mai chiarite.
Questa biografia ricostruisce la vita di un gerarca particolare ed atipico e svela alcuni aspetti finora sconosciuti della sua morte. Perché fu ucciso Ettore Muti? Che ruolo ebbe Badoglio? Chi furono i veri mandanti dell’omicidio dell’eroe?

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Casa Editrice

X