Menu

Gli orfani di Salò

In Stock

 17.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Dopo la fine della guerra irrompe nelle scuole, nelle università e nelle piazze d’Italia una presenza rumorosa e inaspettata: migliaia di giovani che agitano i simboli e cantano gli inni del fascismo, guidano affollate manifestazioni comprese quelle per il ritorno di Trieste alla madrepatria. Molti sono reduci della Repubblica Sociale a volte in situazione di indigenza, altri non hanno fatto in tempo a partecparvi ma tutti vivolo l’avventura di salò come l’ultimo sussulto di dignità nazionale. Il libro pone in risalto la nascita delle prime organizzazioni clandestine (S.A.M. e F.A.R.), le azioni dimostrative, i primi tentativi di dare un’organizzazione stabile al movimento neofascista, ma mette anche in evidenza come da subito si crearono delle problematiche tra i giovani (portati all’azione e che incominciavano ad aver riferimenti come Evola) e la classe dirigente del partito, Almirante in testa, che cercavano di dare al movimento un posto stabile nel nuovo ordinamento repubblicano.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X