Menu

Guerra del ’15

In Stock

 17.00
Confronta

Product Description

Due mesi di trincea raccontati, «di giorno in giorno, anzi d’ora in ora, da un semplice gregario». Questo è, nelle parole dell’autore, il succo di Guerra del ’15, una delle testimonianze più belle e più vere che siano state scritte sul primo conflitto mondiale. «Dal suo umile posto» Giani Stuparich, volontario triestino, intellettuale arruolatosi come un soldato qualunque tra le truppe italiane che, falciate dalle artiglierie, cercano vanamente di strappare agli austriaci le alture del Carso, ritrae la guerra in un diario «fresco e vivo di vita», che «afferra la cosa rappresentata con potenza incancellabile», come notò Gadda recensendo la prima edizione del libro (1931). «Ferma, contenuta, umana», la narrazione di Stuparich restituisce l’esperienza di un giovane, laureato a Firenze e collaboratore della «Voce», che affronta l’inferno della guerra, a fianco del fratello minore Carlo, con lo spirito di servizio e di solidarietà che solo un grande ideale può suggerire. Ma questo ideale, l’Italia, rimane fuori dalla trincea, dove contano solo la coscienza di appartenere a una generazione cruciale, il senso del dovere ereditato dalla famiglia e l’attaccamento alla vita moltiplicato dalla presenza continua della morte.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X