Menu

Il soggetto senza limite

In Stock

 10.50
Confronta
Categoria:

Product Description

Alla base dell’azione e della prassi dannunziana, c’è una determinata concezione della soggettività intesa come cifra assoluta, come potenza creatrice che produce effetti dagli esiti non necessariamente garantiti, ché, anzi, la dimensione eroica dell’azione risiede tutta in questa mancanza di calcolo e di prudenza circa la garanzia di riuscita, ma che produce comunque effetti imperituri perché di essa sola si può tramandare memoria, essa sola costituisce il lascito perenne, eredità delle generazioni future. (…) Pochi aspetti del dannunzianesimo sono stati così spesso travisati come il suo complesso rapporto con le masse. Ebbene, la condizione necessaria affinché la parola poetica ritorni accessibile non è certo il suo abbassarsi populisticamente al livello oggettivo delle masse bensì la particolare ricettività, in tempi di crisi, delle masse stesse, al cui interno si agitano sentimenti, angosce, speranze che chiedono di costituirsi in progetto. Per questa via tra D’Annunzio e le masse si instaura un rapporto ben diverso che fra poeta e pubblico: ciascuno costituisce una polarità necessaria affinché dalla simbiosi possa scaturire l’Azione non più come risultato dell’eroe solitario o del superuomo, ma come scatenamento di forze insieme primordiali e futuribili

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X