Menu

La rosa della mia guerra

In Stock

 24.00
Sfoglia la lista dei desideri
Confronta
Categoria:

Product Description

“La rosa della mia guerra”. Così D’Annunzio chiama Venturina, quando, nelle pause fra un’impresa e l’altra, torna dal fronte a Venezia assetato di musica e d’amore. Sì, è un amore grande, uno dei pochi nella vita del Vate-dongiovanni (in tre anni le scrive oltre milleduecento lettere!). Ed è un amore scandaloso. La giovane dama, Olga Brunner Levi, un’ebrea triestina maritata a un veneziano che ne condivide la melomania (lascerà il bel palazzo sul Canal Grande per costituirvi la nota Fondazione Ugo e Olga Levi per gli studi musicali), appartiene alla buona società: e vorrà secretato per decenni quel rovente carteggio che solo ora torna in piena luce. Vibranti di schietta sensualità, le lettere toccano tante altre corde: la tenerezza infantile, l’umorismo gioioso, e poi sospetti, ripicche, gelosie… Ecco le serate-concerto, l’incanto della Laguna, l’attesa trepida ed eccitata dell’azione bellica, la descrizione delle trincee insanguinate nella crudele bellezza del paesaggio: insomma, il carteggio ci svela il volto intimo di Gabriele, l’altra faccia del poeta-soldato. E non mancano gemme di versi improvvisati su quei fogli e lì dimenticati, e tante pagine in dialetto veneziano che col suo orecchio impeccabile l’Imaginifico usa con melodiosa facilità. Scritte con il tocco leggero delle raffinate “faville”, ma tanto più calde di vita, le lettere a Venturina serbano dunque una piacevole sorpresa ai patiti di Venezia e ai lettori dal palato più esigente.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Autore

Casa Editrice

X