Menu

La via del samurai

In Stock

 10.00
Confronta
Categoria:

Product Description

“Ho scoperto che la Via del Samurai è la morte. Per essere un perfetto samurai bisogna prepararsi alla morte da mane a sera, giorno dopo giorno.” La Via del Samurai è stato scritto tre anni prima del plateale seppuku di Mishima eseguito da un balcone delle forze armate giapponesi. E’ dunque impossibile parlare di questa personale interpretazione dello Hagakure, breviario e galateo del samurai, settecentesco, testo sacro di etica e di precettistica, senza metterlo in relazione con le ragioni che hanno spinto il suo autore al suicidio rituale, in altre parole se e come abbia razionalizzato, mediante il commento allo Hagakure il proprio atto. Il libro tende pertanto ad assumere il valore di testamento spirituale, di addio alla vita e di giustificazione ideologica del suicidio. Leggendo le pagine di quest’opera, viene naturale pensare che Mishima si considerasse un moderno samurai e che davanti alla decadenza della società nipponica contemporanea, sconfitta dalla seconda guerra mondiale e incapace di rilanciare un modello culturale nazionale, abbia scelto di riaffermare i valori in cui credeva in modo assoluto, tragico e definitivo. La verità su quel gesto non la sapremo mai, restano le sue opere e un biglietto lasciato dallo scrittore la mattina del suo suicidio: “La vita umana è breve, ma io vorrei viverla sempre.” Di recente, lo Hagakure ha ispirato il film Ghost Dog di Jim Jarmusch.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X