Menu

Operazione Shadow Circus La resistenza armata in Tibet 1952-1972

In Stock

 16.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Queste pagine raccontano la storia della lotta di quella parte del popolo tibetano che, dopo l’invasione cinese del 1949-1950 e la successiva fuga in India del XIV Dalai Lama seguita alla rivolta di Lhasa del ’59, optò per la resistenza armata contro l’occupazione. Nonostante i numerosi appelli al mondo intero, pochissimi si mostrarono interessati alla tragiche vicende tibetane. Solo l’India e gli Stati Uniti, per il tramite della CIA, accettarono di supportare la causa tibetana, forse più per calcolo politico che per vera solidarietà. Ne derivò un ventennio di lotta senza esclusione di colpi, misconosciuto ai più e ben poco coperto dai media, che terminò nei primi anni ’70, quando la presidenza Nixon decise di abbandonare i resistenti come pegno di amicizia verso una Cina in fase di riavvicinamento. Oggi molti dei vecchi combattenti tibetani vivono come profughi in esilio, ma la loro battaglia e quella del Dalai Lama continua sotto altre forme.

« La Storia dimostra che la violenza genera violenza e di rado risolve i problemi. In compenso crea sofferenze abissali. È anche evidente che, persino quando essa sembra giusta e logica per porre fine ai conflitti, non si può mai sapere se invece di spegnere un fuoco non stiamo appiccando un incendio »
Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama

L’AUTORE
Fabrizio Bucciarelli giornalista e scrittore, è membro ricercatore dell’Istituto Affari Internazionali, del Cesdis e del CASD. Specializzato nei settori militari, sicurezza ed intelligence, geopolitica e questioni internazionali, ha pubblicato numerosi saggi storici.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
X