Menu

Rta – di alcune parole indoeuropee

In Stock

 10.00
Confronta
Categoria:

Product Description

«Aristocratico del pensiero e dell’arte, […] Giulio Capone, pur sembrando un ingegno solitario, scovriva senza volerlo nelle discussioni coi maestri e gli amici il cumulo, enorme per la sua età, delle cognizioni che gli venivano dalla solitudine dello studio; ed in ogni scritto anche breve rivelava il tesoro sbalorditivo della sua intelligenza e della sua varia cultura. Nato il 13 dicembre 1863 a Montella [città dell’Irpinia], morto il 16 febbraio 1892, si laureò a 18 anni in lettere, a 22 in giurisprudenza. Cominciò a pubblicare […] note filologiche e versioni dal Sanscrito: “Dio e Giorno”, “Inno a Surya (il Sole)” […], “Dal Rig-Veda – Inno ad Agni ed ai Maruti” […]. Dopo la sua morte vennero pubblicati nel 1892-93, a premura di amici: […] “Di alcune parole indo-europee significanti Diritto, Legge, Giustizia, ricerche giuridico-linguistiche”, assai lodate da quel sommo glottologo che fu Graziadio Ascoli, il quale ammirava soprattutto il modo come Capone aveva innestato lo studio del diritto a quello della storia del linguaggio […]» (Salvatore Pescatori, Nota a Giulio Capone, Un astrologo bagnolese del secolo XVI, estr. Rivista “Irpinia”, a.I., n. 9, 1929).

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Casa Editrice

X