Menu

Trillirì

In Stock

 15.00
Confronta
Categoria:

Product Description

Col saggio di Claudia Salaris “Alla festa della rivoluzione”, il fino allora misconosciuto romanzo di Mario Carli Trillirì gode di una inaspettata notorietà: il libro è introvabile, e questo scatena la curiosità di molti. Salaris, oltre a riportarne alcuni passaggi molto accattivanti, lo presenta così: «La letteratura e l’arte possono aiutare a capire meglio la storia, talvolta facendo penetrare nello spirito del tempo più di quanto non lo consentano gli strumenti puramente storiografici. Un romanzo come Trillirì di Carli offre elementi molto utili per comprendere la psicologia del fiumanesimo (…) È un intreccio di verità e finzione con uno svolgimento narrativo sullo sfondo di fatti veri, con personaggi reali del milieu legionario e un protagonista inventato, ma su cui l’autore proietta evidenti elementi autobiografici».

Questa è dunque la motivazione che rende di estremo interesse “Trillirì” — oltre al fatto di essere l’unico romanzo fiumano scritto da chi a Fiume c’era stato davvero: perché invece, va riconosciuto, da un punto di vista puramente letterario il testo non rende giustizia all’ingegno di Carli.

Il romanzo si divide idealmente in due parti nettamente contrastanti fra loro: la prima si snoda attorno al vissuto metropolitano del protagonista Bruno Landeschi, ossessionato più che altro dalle proprie fantasie erotiche in un’ambientazione decadente; la seconda si svolge a Fiume, dove Landeschi ritrova se stesso nella città che si va configurando come l’embrione di un potenziale Stato — sogno e progetto di un’Italia futura.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.00 g
Autore

Casa Editrice

X